Quantum Computing può rompere una Blockchain?

computacion-cuantica-vs-blockchain
5 min read

Mentre le virtù della blockchain la rendono assolutamente indistruttibile con lo stato attuale della tecnologia, è vero che il progresso del quantum computing potrebbe minacciare di romperlo.

Si è discusso molto su questo possibile problema e sebbene le teorie siano diverse, la maggior parte concorda sul fatto che sarà un ostacolo al quale dobbiamo trovare una soluzione.

Ciò non dovrebbe spaventare gli utenti del mondo crittografico poiché ci sono migliaia di teste che pensano a soluzioni per l’avanzamento del quantum. E come sai, se hai abitato questo ambiente per molto tempo, le soluzioni appaiono incredibilmente veloci.

Cos’è il quantum computing?

Un computer quantistico è un dispositivo che esegue calcoli basati sui principi della meccanica quantistica.

I computer normali utilizzano unità binarie (bit) che possono rappresentare due possibili stati (0 e 1) per memorizzare e manipolare le informazioni.

Le macchine quantistiche utilizzano Qubits, che a differenza delle precedenti, possono essere 0 e 1 contemporaneamente. Ciò consente loro di eseguire molte attività in meno tempo attraverso questo fenomeno noto come “sovrapposizione”.

computacion-cuantica-vs-blockchain

Un altro concetto primordiale nella teoria quantistica è chiamato “entanglement”. Quando due particelle si intrecciano, vengono ad esistere nello stesso stato quantistico e lo stato viene modificato se si invita la sua coppia a cambiare di conseguenza (non importa se sono distanti nello spazio fisico).

Questo “accoppiamento” di Qubits consente notevolmente la crescita esponenziale della potenza di calcolo di una macchina quantistica.

La potenza viene misurata considerando il numero di Qubit che un computer può utilizzare contemporaneamente.

Entro la fine degli anni ’90, le macchine potevano raggiungere due Qubit e oggi il computer quantistico più potente di Google può utilizzare fino a 72 Qubit. Un progresso incredibile.

Blockchain vs Quantum Computing

Tutti i progressi che i fisici hanno fatto negli ultimi trent’anni verso la creazione di un computer quantistico aumentano il pericolo per la tecnologia blockchain.

Circa un anno fa Google ha annunciato di aver raggiunto la supremazia quantistica e sebbene ciò sia stato accolto con notevole scetticismo, ha anche causato un calo di quasi il 10% nel prezzo del Bitcoin.

Questo ci porta inevitabilmente alla domanda: Un computer quantistico come quello di Google può rompere un protocollo come la criptovaluta e aiutare a rubare Bitcoin? Quanto è probabile che accada nel prossimo futuro?

Molti esperti di informatica quantistica ne hanno parlato, quindi li lasceremo parlare.

Ad esempio, Yavi Altshuler, ricercatore del MIT ha detto:

“Mentre i computer quantistici stanno diventando più potenti e si muovono molto più velocemente di quanto le persone si aspettassero, le loro capacità non interromperanno la blockchain. Non ci sono prove che possa comprometterlo”.

Stewart Allen, Il COO del Quantum Computing di IonQ crede che quando un computer quantistico è abbastanza potente da mettere in pericolo le blockchain odierne, i sistemi di sicurezza saranno passati ad algoritmi in grado di contenerli.

 

Non è vero che ci sia una minaccia per le blockchain poiché quando il quantum raggiunge i livelli di pericolo di cui si parla, anche la crittografia sarà avanzata”

D’altra parte Rakesh Ramachandran, CEO e co-fondatore di QBRICS Inc ha detto:

“I computer quantistici ridefiniranno la crittografia non solo della blockchain, ma anche ovunque esista un’applicazione crittografica che include cose semplici come un sito Web di banking online. Sono in corso ricerche e lavori considerevoli per mitigare gli effetti e passare alla crittografia quantistica o alla crittografia post-quantistica.”

“Tuttavia, la sfida della blockchain non è solo la minaccia che l’informatica quantistica rappresenta, ma l’ambito di come la blockchain migrerà alla nuova versione della crittografia.”

Conclusioni

La mayoría de los expertos en cuántica coinciden en que La maggior parte degli esperti quantistici è d’accordo sul fatto che questo pericolo potrebbe essere presente in un intervallo da cinque a dieci anni. Ma sono anche d’accordo sul fatto che a quel punto saranno sviluppate formule per evitare questi attacchi quantistici.

Le Blockchain saranno costretti ad evolversi e questo renderà improbabile che l’informatica quantistica minacci la sua esistenza. Il calcolo quantistico per il momento non rappresenta nessun problema reale  per la crittografia che protegge le criptovalute.

Anche se vale la pena chiarirlo, in criptovalute come  Zcash o Monero, tecniche di crittografia avanzate resistenti al calcolo quantistico sono già in uso. Pure Bitcoin ha fatto parte di questo lavoro e continua a lavorare sull’implementazione di firme Schnorry  Transazioni Riservate alla sua rete in modo nativo. 

In sintesi: possiamo essere certi che tutti i progetti saranno in grado di continuare a proteggere i nostri soldi come hanno fatto nonostante l’evoluzione del calcolo quantistico.