Psicologia del trading: come influisce su di noi?

psicologia del trading Bitnovo
8 min read

Sicuramente hai sentito l’espressione “il trading è emotivo” ed è che quando inizi nel mondo dei mercati finanziari è normale provare gioia per i tuoi profitti o paura del fallimento per le tue perdite. La realtà è che più riesci a separare le tue emozioni dalle tue operazioni, meglio puoi gestire un conto. Prendi in considerazione questo la versatilità e l’efficacia di un trader dipendono molto più dalle sue emozioni che dalla sua conoscenza tecnica.

Si dice comunemente che il trading sia per l’80% emotivo e per il 20% cognitivo, quindi è importante rafforzare i nostri pensieri eseguendo attività come ore di operazioni, lettura di argomenti correlati e audio che contribuiscono all’importanza di padroneggiare i tuoi pensieri.

Fare trading con un account demo può aiutarti a imparare ad utilizzare le diverse piattaforme di trading e l’uso dei suoi strumenti, ma non aiuta negli aspetti emotivi, dal momento che non proverai sentimenti reali quando vinci o perdi denaro reale. Pertanto, l’ideale è iniziare il prima possibile con un account reale, in questo modo la tua intelligenza emotiva sarà messa a dura prova, perché sarai eccitato in modo positivo quando stai vincendo o al contrario proverai paura e angoscia quando perdi.

I 5 errori emotivi più comuni nel trading

  • Entrare nel mercato senza Stop loss o avvisi: Prima di iniziare la tua prima operazione dovresti sapere che si tratta di un take profit e uno stop loss, il primo si riferisce alla presa di profitti e la seconda alla perdita che ti permetti di avere. Quando avrai definito quanti soldi ti permetti di perdere per ogni operazione, ti garantirà di durare nel tempo in un mercato, perché hai il controllo costante del tuo conto. Entrare nel mercato senza tenere in considerazione il tuo stop loss potrebbe influenzare terribilmente le tue emozioni ed eventualmente portarti fuori dai mercati, poiché, se il tuo trade è in calo e non chiudi la posizione pensando che salirà, potresti facilmente bruciare un conto.
  • Aprire un’operazione seguendo altri trader: È molto comune che quando inizi a fare trading ti trovi alla ricerca di opportunità per guadagnare denaro. Questo entusiasmo può portarti a prendere decisioni come seguire altre persone, che potrebbero trovarsi in una situazione simile alla tua in cerca di conoscenza e crescita. Come abbiamo spiegato nel nostro articolo su che cosa è il Copytrading, condurre operazioni guardando a ciò che fanno gli altri può essere un’arma a doppio taglio. Da un lato non sarai a conoscenza della destinazione del tuo account e ancor peggio le tue perdite o guadagni non dipenderanno mai da te. La cosa consigliabile per mitigare questo errore è fare leva su persone che hanno già un track record, che possono fornirti conoscenze che aumentano i tuoi risultati e quindi puoi diventare indipendente fino a formare il tuo piano di trading.
  • Comprare e vendere sulla notizia: Come l’ analisi fondamentale lo spiega, ci sono eventi o notizie che possono far salire, scendere o semplicemente fare in modo che il prezzo non faccia nulla. Un trader deve sapere quale movimento può fare il prezzo attraverso la sua analisi e l’errore più comune in questi casi è quello di acquistare il giorno della notizia. Qui la sensazione di poter essere escluso da quel grande movimento (o FOMO, paura di perderlo) vorrà spingerti ad entrare nel mercato. Ricorda che un’analisi fondamentale nelle criptovalute avrà il tempo di impatto maggiore prima del grande evento. L’esempio più popolare è l’ halving di bitcoin, che è noto con molto anticipo.
psicologia del trading Bitnovo
  • Non trarre profitto: Se non hai un piano o una strategia progettata, difficilmente saprai quando dovresti ottenere profitti. Lasciar correre il prezzo senza garantire il tuo profitto potrebbe darti sorprese quando ci sono cambiamenti nel mercato. Puoi passare dal guadagno del 5 al 10% e dire a te stesso che puoi andare più in alto e poi continuare a perdere dal 5 al 10% del tuo capitale. Puoi evitare tutto ciò impostando uno stop loss o utilizzando i diversi strumenti forniti dalle piattaforme di trading o dagli scambi. Così puoi proteggere i tuoi guadagni ed essere al sicuro da qualsiasi imprevisto.
  • Guardare tutto il tempo il prezzo: questo è sicuramente quello che più influisce sulla nostra psicologia, poiché ti manterrà sempre con molta adrenalina e ti porterà a prendere le decisioni sbagliate. Quando osservi il prezzo tutto il tempo e in periodi molto brevi può stimolarti a fare acquisti, ma se il prezzo inizia improvvisamente a scendere, sicuramente per evitare perdite lo venderai e non sarai mai efficace per paura di perdere. Non stiamo dicendo che fare trading in tempi bassi sia un male, ma richiede conoscenza, una strategia marcata e non lasciarsi trasportare dall’emozione della paura. Se stai iniziando, l’ideale è osservare temporalità maggiori di 2 ore.

Emozioni da evitare nel trading


Gli esseri umani sono pieni di emozioni positive e negative, ma dobbiamo imparare a dominarle se vogliamo diventare grandi trader. Di seguito riportiamo le emozioni che sono direttamente coinvolte con i mercati finanziari e che dovresti imparare a controllare.

  • La paura: È una delle sensazioni più grandi e difficili da padroneggiare, poiché, dal momento in cui apri il tuo primo trade, hai paura di perdere. Questa sensazione può avere gravi conseguenze come stress e depressione quando non hai il controllo completo sulle tue paure. Ad esempio, se apri un conto per fare trading con i tuoi risparmi e inizia a perdere grandi percentuali di capitale, può sicuramente generare molta preoccupazione nelle tue finanze personali. In questo modo è consigliabile iniziare sui mercati con denaro che non possa compromettere la propria stabilità e tanto meno è consigliabile prestare denaro per iniziare a fare trading..

La paura ha le sue fasi che vanno dalla incertezza al dubbio, passano all’angoscia e finiscono nella disperazione.

  • L’avidità e l’avarizia: Di solito sono il nostro peggior alleato perché non ti permettono di prendere profitti quando devi, ma lasci correre il prezzo e se non proteggi i tuoi profitti, puoi passare da una posizione vincente a una posizione perdente.
  • Speranza: si riassume in quella sensazione che ti impedisce di chiudere una posizione, cioè quando hai un’operazione aperta e va contro quello che ti aspetti, è quando il tuo cervello inizia a convincersi e ti impedisce di chiudere la posizione perché speri che il mercato cambierà la situazione. Questa sensazione a volte diventa così forte che cerchi di discutere con notizie, opinioni e altri fattori esterni. Questo è il motivo per cui devi lavorare sulla speranza in modo che non invada i tuoi pensieri. Come raccomandazione, definisci il tuo piano e accetta le perdite quando le operazioni non vanno come previsto.
  • Euforia: È quella sensazione che ti spinge ad entrare nel mercato per la voglia di vincere. Di solito appare nelle tendenze rialziste, quando senti parlare di un asset specifico, vedi notizie positive e la stragrande maggioranza ti dice “compra”. Tu, non controllando quell’emozione, la cosa più probabile è che entri nel mercato a un prezzo possibilmente molto alto, dove il mercato sta per cambiare tendenza, provocando grosse perdite.

Per questo dobbiamo lavorare su aspetti positivi come la fiducia, la disciplina, l’auto-educazione e l’indipendenza.

La psicologia sarà sempre un fattore che influenzerà il processo decisionale, non sarà facile controllarla quando ti troverai ad operare nel mercato reale, tuttavia con la pratica e le ore di trading rafforzerai le tue emozioni. La chiave è essere pazienti e ritrovarsi calmi quando si inizia un’operazione, questo va accompagnato con libri, audio e un buon mentore che ti fornisce la conoscenza. In questo modo eviterai di andare alla deriva e forse mitigherai le grandi perdite.