Cos’è un Utility Token?

¿Qué es un Utility Token?
4 min read

Oggi parlerò di che cosa è un Utility Token e in che cosa si differenzia dal resto dei token, in questo modo potrete capire che scopo o valore ha ciascuno di loro.

Ma prima di capire che cosa è un utility token sarebbe bene riassumere in alcune righe cos’è un token come concetto generale:

Un token è un oggetto con un valore dato solo all’interno di un contesto. L’esempio più chiaro? Le fiches del casinò. Questi gettoni sono pezzi di plastica che non valgono nulla al di fuori delle pareti del casinò, è proprio in questo contesto che si ricorda il loro valore e finiscono per essere la rappresentazione di qualcosa.”

Ci sono diversi tipi di token ma tutti rappresentano qualcosa in un particolare ecosistema. Possono rappresentare valore, crediti, diritto di voto o qualsiasi altra cosa.

Ora che abbiamo più chiaro che cosa significa un token parliamo di cos’è un Utility Token.

Utility Token

Nel caso di un Utility Token o Token di  Utilità è un token che non ha come obiettivo principale di generare aspettative di profitto economico. Si orienta ad offrire una utilità specifica su una piattaforma o un’applicazione, che danno diritto all’uso di determinati prodotti o servizi.

Un buon esempio è il token BAT (Basic Attention Token), che consente di accedere a diversi servizi offerti dal progetto. Tra le altre cose, si può offrire come ricompensa per premiare i creatori di contenuti durante l’utilizzo del browser Brave (es. se ti piace un tweet puoi lasciare la mancia in BAT).

¿Qué es un Utility Token?

L’utility token e il suo utilizzo nelle ICO

Questi tipi di token sono stati utilizzati anche in molte occasioni per ottenere finanziamento di un nuovo progetto o sviluppo nelle cosiddette Offerte Iniziali di Moneta o ICO (Initial Coin Offering).

Le persone che vogliono lanciare un nuovo business o progetto offrono token di utilità agli utenti che investono in esso prima del lancio.

Allora entrambe le parti ne traggono vantaggio, da un lato l’azienda riesce a raccogliere più soldi per il lancio e gli utenti ottengono grandi benefici futuri post lancio.

Ad esempio, Filecoin ha raccolto 257 milioni di dollari attraverso un ICO che dopo il lancio ha permesso ai proprietari del token di accedere alla sua piattaforma di archiviazione cloud decentrata.

Problemi e sfide degli Utility Tokens

È vero che un Utility Token è una risorsa eccellente per ottenere finanziamenti per diversi tipi di progetti, ma questo comporta anche un rischio che in molti casi può essere sproporzionato.

Così è stato durante il boom dell’ICO nel 2017, dove ogni progetto lanciava la propria Offerta iniziale di Moneta per ottenere finanziamenti e gli utenti investivano in quasi tutto ciò che vedevano.

Molti di questi progetti promettevano di raggiungere obiettivi irraggiungibili o non erano sufficientemente regolamentati. Così, molte persone sono state esposte a perdere parte dei loro investimenti per negligenza o perché i progetti non riuscivano a raccogliere la cifra necessaria per iniziare.

I problemi principali dei utility tokens possono essere riassunti in 5 punti.

– Se il progetto non funziona, i token perdono tutto il loro valore.

– Non incoraggiano l’adozione di criptovalute

– Non esiste un “meccanismo naturale” per aumentare il valore di un token.

– Ci sono progetti che non possono essere finanziati e gli investitori perdono i loro contributi.

– In molti casi i creatori dei progetti hanno un potere eccessivamente centralizzato sui token e prendono decisioni in modo autoritario.

Anche su Bitnovo è possibile acquistare alcuni utility tokens, come ad esempio chiliZ ($CHZ) che è un token di utilità ERC20 nella Blockchain di Ethereum e serve come moneta digitale all’interno delle piattaforme di chiliZ e Partner.com.