Whisky come risorsa di riserva per le criptovalute

whisky respaldo criptomonedas Bitnovo
6 min read

Stai leggendo Isaac Sotillos, ospite d’onore nel nostro blog e autore di tuwhisky.com

Quando pensiamo al whisky, di solito ci vengono in mente idee molto concrete: riunioni di uomini in giacca e cravatta, agenti segreti in incognito in casinò di lusso, yacht ormeggiati su spiagge paradisiache,… quel tipo di cose.

Forse l’ultima cosa che ci ricorda l’idea del whisky sono le cripto divise, giusto? Ebbene, nel 2020 e nel 2021, il whisky (sì, sì, il whisky) è diventato uno degli attivi di punta al momento di appoggiare le criptovalute.

In questo articolo voglio analizzare esempi recenti in cui il whisky svolge un ruolo fondamentale nella costruzione di criptovaluta, agendo normalmente come risorsa di riserva. Infine, finirò analizzando brevemente le qualità del whisky come risorsa che può essere tokenizzata o utilizzata come riserva per le criptovalute, in modo che tu possa valutare i pro e i contro da solo.

Cominciamo!

Tokenizzando barili


Lo scorso settembre, un fondo della
Wave Financial Group ha annunciato l’ acquisto di 1.000 barili di whisky bourbon.

L’investimento in questi barili, via tokenizzazione, promette da 5 a 6 anni di profitto, periodo durante il quale il whisky invecchia nei barili e subisce una rivalutazione che era impossibile offrire agli investitori prima dell’avvento della tecnologia blockchain.

La società si aspetta che ogni barile aumenti il suo valore circa 3.000 USD durante questo periodo. Tale investimento fa parte di una strategia più ambiziosa, avviata durante l’estate e di cui parlerò di seguito.

whisky respaldo criptomonedas Bitnovo

Kentucky Whisky Digital Fund


L’11 luglio di quest’anno, la già menzionata Wave Financial Group ha annunciato che lancerà, insieme a NEM Group Ltd., un token chiamato Kentucky Whisky Digital Fund entro la fine del 2020.

NEM, è la società sviluppatrice della piattaforma blockchain Symbol. Hanno lanciato il loro token nel 2015, che di solito sta tra i top 50 della capitalizzazione sul mercato delle criptovalute. Attualmente, si stima che la sua capitalizzazione è di circa 431 milioni de dólares.

Entrambe le entità sono state associate con la celebre distilleria Wilderness Trail, e lanceranno un fondo per il valore di un anno della produzione della distilleria: circa 25.000 barili di bourbon 2020. Questo permetterà di vendere agli investitori interessati gettoni garantiti da risorse collegato a un inventario annuale di quattro milioni di bottiglie.

L’obiettivo consiste nell’ ottenere rendimenti attraverso la vendita strategica di barili per tutta la vita utile del fondo. Pertanto, i responsabili del Fondo digitale stimano che possono ottenere un TIR (Tasso Interno di Rendimento) del 20% per i prossimi sei anni. Non è male, vero?

CaskCoin, la criptovaluta dello Scotch Whisky


Per concludere, abbiamo l’esempio di Caskcoin, una criptovaluta scozzese appoggiata da scotch whisky invecchiato. Tale whisky è composto principalmente da una selezione di Single Malts che sono maturati dai 25 ai 50 anni. Si tratta di whisky di malto esclusivi e molto richiesti. Molti di loro raggiungono prezzi elevati alle aste, e provengono da tutte le regioni della Scozia.

L’azienda difende sul proprio sito le bontà del whisky scozzese come prodotto di grande proiezione commerciale: rappresenta niente meno che un quarto delle esportazioni del Regno Unito in materia di alimentazione e di bevande; impiega direttamente e indirettamente più di 9.000 persone; ed esporta annualmente più di 1,2 miliardi di bottiglie, che raggiungono più di 180 paesi.

Questi sono indubbiamente numeri da capogiro. Ma la fiducia che riceve come risorsa di riserva è giustificata? Per rispondere a questa domanda bisogna dare un’occhiata più da vicino al whisky..

whisky respaldo criptomonedas Bitnovo

Criptovalute e Whisky, la (non così tanto) strana coppia


Ci sono diverse caratteristiche intrinseche del whisky come risorsa che sembrano renderlo particolarmente interessante per il supporto delle criptovalute..

Come nel caso delle valute fisiche durante il gold standard, avere come sostegno della propria valuta un bene scarso e percepito come di alto valore dal pubblico è qualcosa di molto interessante. Il whisky, in particolare il whisky invecchiato, presenta entrambe le caratteristiche.

Ma non è solo il whisky invecchiato che offre opzioni interessanti. Man mano che il whisky giovane matura anno dopo anno nella sua botte, il suo prezzo di mercato aumenta notevolmente. Il problema è che non c’era modo che l’investitore potesse accedere a questa rivalutazione… fino a quando non sono emerse le criptovalute. Questo nuovo modo di investire rende possibile l’acquisto di token supportati da tale whisky, offrendo agli investitori grandi aspettative di profitto con tutta la sicurezza offerta dalla tecnologia blockchain.

In altre parole, investire nel whisky può offrire attività a sostegno di un bene fisico scarso, di alto valore e che può essere rivalutato per decenni man mano che invecchia e il consumo di lotti di età simile lo rende sempre più debole.

Di conseguenza, l’uso del whisky come bene di riserva mostra un enorme potenziale. Si tratta di un’alternativa a tutte le attività chiamate SWAG in inglese: acronimo di Silver, Wine, Art, Gold (Argento, Vino, Arte e Oro)

Tuttavia, a differenza dell’oro, dell’argento e delle opere d’arte, il whisky è un bene fungibile che scompare una volta consumato, aumentandone il valore. È preferibile anche al vino, poiché la sua “speranza di vita” è molto più lunga.

Infine, el whisky come risorsa di riserva per token e criptovalute è sulla buona strada per diventare un’opzione più che interessante per l’immediato futuro. È opportuno prestargli attenzione.