Indicatori di Analisi Tecnica nel Trading

20201104 Bis medias moviles MACD RSI y bandas de bollinger Bitnovo

Per avere più probabilità di successo nel processo decisionale sui mercati finanziari, utilizziamo l’analisi tecnica e, all’interno di questo, i tipi di indicatori di trading.

Questi aiutano il rivenditore retail nell’interpretazione di un grafico e mentre ci sono molti tipi di indicatori, tra i più noti troviamo: le medie mobili, RSI o bande di bollinger . Mentre è vero che non sono completamente affidabili, ci danno un’idea abbastanza corretta se il prezzo sta per cambiare una tendenza o questo è sovravenduto o sovracomprato.

Nel trading, gli indicatori sono diversi strumenti che il trader ha quando si imbatte in un grafico e vuole intuire i suoi movimenti. è per questo che esistono molti tipi di indicatori visto che ognuno si adatta allo stile di ogni commerciante.

In questo articolo metteremo in evidenza gli indicatori più utilizzati nell’analisi tecnica.

 

Tipi di indicatori di analisi tecnica

Indicatori di oscillazione

Questi sono i più utilizzati e si caratterizzano dal fatto che tendono a fare un movimento simile al prezzo. Ci mostrerà se l’asset o la coppia che stiamo analizzando si trova in zona di ipercomprato o ipervenduto. Tuttavia, il fatto che l’indicatore entri in una di queste due zone non significa che dobbiamo aprire la posizione. È essenziale avere più conferme per prendere tale decisione. Tra queste categorie i più conosciuti sono:

    • Indice di forza relativa o RSI: Forse uno dei più usati per indicare se il prezzo di un asset è ipervenduto o ipercomprato, lo rappresenta attraverso una linea mobile che media il prezzo e lo segue, serve anche per trovare divergenze tra l’indicatore e il prezzo dell’asset . La formula RSI tiene conto di due equazioni coinvolte nella risoluzione della formula: L’equazione del primo componente ottiene il valore della forza relativa iniziale (RS), che è la media delle chiusure rialziste sopra la media delle chiusure ribassiste , su un periodo “N” rappresentato nel seguente calcolo: RS = Media mobile esponenziale di ‘N’ periodi in aumento/Media mobile esponenziale di ‘N’ periodi in calo (in valore assoluto).
    • MACD: il suo acronimo in inglese sta per Moving Average Convergene Divergence ed  è la convergenza e la divergenza nel tempo di due medie mobili del prezzo di un bene.

Per interpretare questo indicatore si devono intendere gli incroci tra il MACD e la linea Segnale che a seconda della direzione può dare indizi rialzista o bassista:

– Quando l’incrocio della linea MACD con la linea Segnale avviene dall’alto in basso il segnale sarà bassista.

Quando l’incrocio della linea MACD con la linea Segnal si verifica dal basso verso l’alto, il segnale sarà rialzista.

medias-moviles-MACD-RSI-y-bandas-de-bollinger


Indicatori di volatilità

Questo tipo di strumento studia i movimenti che fa il prezzo e a sua volta misura la forza di come si muove in direzione dall’alto verso il basso. Servono a determinare se l’attivo ha un’alta volatilità che sembra aggressiva o se è costante e lenta. Tra le più popolari e utilizzate troveremo:

    • Bande di Bollinger: È uno degli indicatori più riconosciuti per contrassegnare il livello di volatilità di una tendenza, sebbene si tratti di un problema visivo dal grafico, la formula di questo indicatore può darti un’approssimazione di quanto un asset potrebbe estendersi attraverso le sue bande , cioè acquista da una banda superiore e una banda inferiore dove cerca di racchiudere il prezzo e una linea mediana che indicherà il prezzo medio della banda di Bollinger.

Il suo modo di operare o interpretare si basa sul fatto che, se il prezzo supera la banda inferiore, è nel mezzo o all’inizio di un trend ribassista e sarà bene provare ad acquistare validando con il proprio piano di trading, poi quando supera la banda superiore è il momento di vendere , le bande possono simulare un livello di supporto e/o resistenza a seconda del caso.

20201104-que-es-un-indicador-y-sus-tipos

Indicatori di tendenza

Come suggerisce il nome, aiuta a segnare e conoscere la prossima tendenza. Questo tipo di indicatore di solito media, in base a un parametro basato sul numero di periodi, il movimento del prezzo di un’attività in un dato periodo di tempo. Il più utilizzato e conosciuto dai trader sono le semplici medie mobili, e da questi si staccano altri tipi a seconda della loro configurazione.

    • Medie mobili: Comprende una linea o un paio di linee tracciate all’interno del grafico, caratterizzate da una tendenza. Cioè, se il prezzo aumenta anche l’indicatore lo farà e viceversa. È usato per confermare se la tendenza è rialzista o ribassista e per identificare questo è necessario capire l’incrocio che deve effettuare l’indicatore. Por ejemplo:Media móvil (50)
      Media mobile (100)- Se la media mobile di (50) attraversa verso l’alto la media mobile più lunga o lenta per il caso (100) questo viene interpretato come momento di acquisto e la forza di tendenza sarà rialzista.

      – Se altrimenti la media mobile veloce o (50) passa al di sotto della media mobile di (100) è considerato segnale di vendita o tendenza al ribasso.

È importante ricordare che esiste una grande quantità e varietà di indicatori di analisi tecnica che, in linea di principio, forniscono informazioni per prendere decisioni. Ma è anche necessario chiarire che nessuno di questi ha un’assoluta verità del prossimo movimento che realizzerà il prezzo.

Questo perché i grandi movimenti sono generati da grandi istituzioni finanziarie e hanno già un piano definito con un bene. In poche parole i commercianti devono essere in attesa di ciò che è più probabile con l’aiuto di uno qualsiasi di questi strumenti.

POTREBBE INTERESSARTI…