Fisco e criptovalute in Spagna

Hacienda y bitcoin en España
8 min read

Se sei uno dei fortunati che ha comprato Bitcoin o altre criptovalute un paio di anni fa e ora sei riuscito a venderli sfruttando l’incredibile rally che Bitcoin sta avendo negli ultimi mesi, allora CONGRATULAZIONI

Ma quando questa primavera/estate avrai a che fare con la dichiarazione dei redditi e tuo cognato o l’amico d’infanzia ‘so tutto io’, alimenteranno i tuoi dubbi sulla necessità di dichiararli, niente panico!

In questo articolo chiariremo tutti i tuoi dubbi su Fisco e le criptovalute in Spagna, in modo che tu sia preparato!

Le criptovalute oggi

La tendenza a ridurre l’uso del contante, soprattutto con l’arrivo della pandemia che ha messo in ginocchio il mondo intero, ha fatto sì que le criptovalute guadagnino ogni giorno più terreno, fino a diventare il trend del 2021.

Oggi possiamo dire che chiunque, anche coloro che non avevano idea di cosa fossero le criptovalute, sa cos’è un bitcoin e sono interessati a comprarlo e ‘provare’ a investire in questo bene.

Il crescente interesse per le criptovalute, insieme al crescente numero di persone che vogliono investire in esse o che semplicemente vogliono provare questo nuovo e rivoluzionario mezzo di pagamento, ha fatto sì che le agenzie fiscali di tutto il mondo iniziassero a monitorarle, con il fine di regolamentare il loro utilizzo e la loro circolazione e controllarne l’uso fraudolento.

Oggi esistono quasi 7.000 criptovalute sul mercato e la maggior parte delle banche centrali di tutto il mondo sono impegnate a creare la propria moneta digitale (CBDC), tra cui la Banca centrale europea ha già annunciato il futuro lancio dell’euro digitale.

Usi delle criptovalute

Ebbene, prima di andare al dunque e spiegare se le criptovalute devono essere dichiarate nella prossima dichiarazione dei redditi, è importante che tu sappia come vengono utilizzate.

Le criptovalute possono essere utilizzate come:

  • Mezzo di pagamento: il 22 ottobre 2015, una famosa sentenza della Corte Superiore di Giustizia dell’Unione Europea considerò il bitcoin un mezzo di pagamento e non un mero titolo finanziario.
  • Strumento di investimento: poiché molti utenti, a causa della loro elevata volatilità, acquistano queste attività al solo scopo di investire e ottenere profitti futuri.

Pagare le tasse sulle criptovalute
Cosa dice il regolamento?

Quindi, sei un detentore di criptovaluta e non sai quali tasse devi pagare? Di seguito ti spieghiamo cosa fare.

Fino ad oggi c’è stato un gap normativo che ha fatto sorgere molti dubbi in tema di fiscalità e dove invece per altre tipologie di operazioni sono previste regole molto precise e specifiche. Infatti nella legislazione fiscale spagnola non si fa menzione di come dichiarare bitcoin e altre criptovalute e non esiste una regolamentazione specifica.

Tuttavia, vi sono diverse consultazioni vincolanti dei contribuenti, risolte dalla direzione generale dei Tributi, relativo alla tassazione dei guadagni ottenuti con le criptovalute.

  • Ad esempio, quando si scambia una valuta virtuale con un’altra, si produce un guadagno o una perdita che dà luogo ad una alterazione patrimoniale e deve pertanto essere inclusa nella dichiarazione dell’IRPEF (Consultazioni vincolanti V808-18 e V0999-18 ).

  • Fisco può avviare un’indagine nel caso in cui rilevi afflussi di capitali anomali nei depositi bancari e può monitorare lo scambio di criptovalute in euro sulle piattaforme di scambio collegate ai loro conti bancari.
  • Già esiste un Progetto preliminare di riforma della legge sulla prevenzione delle frodi fiscali (non ancora approvato) che impone alle piattaforme che operano con criptovalute di comunicare all’ Fisco i dati degli utenti che effettuano transazioni con crypto e l’importo di tali operazioni.
  • Un altro Progetto di legge di riforma della legge sul riciclaggio dei proventi di attività criminose costringerà le piattaforme che operano con le criptovalute a registrarsi in un registro pubblico per segnalare le operazioni dei clienti che potrebbero essere sospettati di riciclaggio di denaro.
  • Infineil piano annuale di controllo fiscale e doganale 2021 (BOE / 1 febbraio 2021) ,esige la “la raccolta di informazioni provenienti da varie fonti sulle operazioni di cripto valutazione. È prevista l’integrazione nel modello dei beni e dei diritti all’estero, nonché l’introduzione di un obbligo d’informazione autonomo sulle criptovalute”. Esto quiere decir que se obligará a incluir los cripto activos en el Modelo 720.

Le criptovalute vanno dichiarate al Fisco?

Hay que declarar las criptomonedas

Quindi, devo dichiarare le mie criptovalute al Fisco?

Ci sono 3 possibili scenari che devono essere presi in considerazione quando si dichiarano o meno i propri asset crittografici al Fisco.

Vediamo di seguito quali sono:

TRANSAZIONI CON CRIPTOVALUTE

 

  • Ho comprato 1.000 euro di Bitcoin. Devo pagare le tasse?

Se hai acquistato Bitcoin o qualsiasi altro tipo di criptovaluta, non devi pagare alcuna tassa. Infatti le criptovalute devono essere intesi come «altri effetti commerciali», in quanto saranno considerate valute a tutti gli effetti e come mezzo di pagamento. Pertanto, come tutte le valute, sono esenti da IVA.

  • Ho comprato un mining rig per estrarre bitcoin e ho pagato 0,012 BTC. Devo pagare l’IVA?

Nel caso di un bene che porta già la sua IVA, dovrai pagare questa tassa (in euro o nella criptovaluta corrispondente).

  • Sono minatore e ho guadagnato ricompense per la mia attività mineraria. Devo pagare l’IVA?

In tal caso non è nemmeno necessario fatturare IVA in quanto le ricompense non hanno un cliente definito.

 

INVESTIMENTI CON CRIPTOVALUTA

  • 2 anni fa ho comprato BTC per 2.000 euro e ora ho venduto lo stesso importo guadagnando 16.000 euro. Devo dichiararli al Fisco?

In questo scenario, per quanto riguarda il profitto, dovrai dichiarare al Fisco quello che hai guadagnato vendendo i tuoi Bitcoin. Tutti gli utili o le perdite derivanti dalla compravendita delle criptovalute devono essere dichiarati al Fisco e pagare l’IRPF corrispondente.

Se il totale dei tuoi beni, sommato alla quantità di denaro in criptovaluta che hai, supera un certo importo (il minimo esente dipende da ciascuna comunità autonoma), il contribuente dovrà dichiarare tale valore nell’Imposta sul Patrimonio.

Al momento di dichiarare le criptovalute possedute, dovrai includere il valore delle criptovalute nel momento esatto in cui fai la dichiarazione dei redditi, poiché sono beni molto volatili.

Per contro, in caso di perdita di capitale per investimento, potrai compensare queste perdite con gli utili di altri prodotti investiti della stessa categoria.

Come ti avevo già anticipato, una volta approvato il piano annuale 2021 di controllo fiscale e doganale, sarà obbligatorio includere gli investimenti in criptovalute nel Modello 720 (dichiarazione di beni e diritti all’estero).

EREDITÀ DI CRIPTOVALUTE

  • Mio nonno era un tipo molto all’avanguardia e aveva investito molti soldi in Bitcoin. Quindi, dopo la sua morte, mi ha lasciato Bitcoin per un valore attuale di 80.000 euro. Devo dichiararli al Fisco?

In questa situazione, trattandosi di un’eredità, dovrai includerla nella dichiarazione dell’ISD: Impuesto de Sucesiones y Donaciones.

Come hai visto, L’Agenzia delle Entrate dispone di vari mezzi per ottenere informazioni su conti bancari, acquisti effettuati in Exchanges e acquisti di beni o servizi effettuati attraverso pagamenti in criptovalute. Per questo motivo, quando dichiari i tuoi beni, se non vuoi incorrere in una multa, è importante che ti avvalga dell’aiuto di un esperto in fiscalità e criptovalute.

Se hai bisogno di esperti in materia fiscale, non esitare a contattare Bitnovo. Il nostro team di esperti ti aiuterà a chiarire tutti i tuoi dubbi in materia fiscale affinché tu possa goderti le tue criptovalute in totale libertà e tranquillità.

Infine, se vuoi essere al corrente delle novità in materia fiscale, seguici sul blog e sui Social Networks.

POTREBBE INTERESSARTI…