Cos’è la liquidità di una criptovaluta?

liquidez criptomoneda Bitnovo
4 min read

Quando parliamo della liquidità di una criptovaluta, ci riferiamo alla facilità con cui possiamo scambiarla in contanti o con qualsiasi altra criptovaluta senza alcuna difficoltà.

Fondamentalmente questa è una caratteristica che presentano i mercati e ci permette di riconoscere se possiamo comprare o vendere una criptovaluta rapidamente e senza intoppi nel mercato.

I mercati liquidi o altamente liquidi sono quelli che ricevono il maggior numero di utenti, in quanto incontrano meno difficoltà nel condurre le proprie operazioni. La liquidità aumenta la interazione delle parti e vi è un maggiore dinamismo, al contrario dei mercati illiquidi.

Importanza della liquidità sui mercati

L’importanza della liquidità riguarda tutti i beni negoziabili, tra cui le criptovalute. Un mercato con liquidità può essere chiamato un mercato “sano”, dal momento che bassi livelli di liquidità sono simbolo di volatilità e provoca picchi notevoli nei prezzi delle criptovalute.

Se invece la liquidità di mercato è elevata, è stabile e presenta poche variazioni di prezzo. Chiaramente, tutti i mercati cercano di ottenere quella liquidità. Questo è il motivo per cui ci sono aziende chiamate Market Makers (market maker). Acquistando i servizi di queste società, sono responsabili della creazione di “order books liquidi” e un grande volume di scambi.

Chiaramente, è molto più facile acquistare e vendere criptovalute in un mercato liquido, poiché gli ordini degli utenti per la compravendita di criptovalute saranno eseguite molto più rapidamente grazie ad un maggior numero di operatori di mercato.

Se ciò accade, implica la possibilità di entrare e abbandonare qualsiasi operazione in qualsiasi momento.Ciò significa che la liquidità è collegata alla domanda e all’offerta del mercato, l’offerta è la quantità di attività disponibile per il commercio e la domanda è la necessità dei trader di scambiare le proprie attività con altre o di convertirle in FIAT.

Quanto è liquido un asset?

I beni che scambiamo o acquistiamo possono essere più o meno liquidi e per questo alcuni possono essere scambiati più facilmente. Quando parliamo di un mercato liquido, lo confondiamo spesso con un mercato dinamico o con un volume di scambi superiore rispetto agli altri.

Se un mercato ha un volume di 10 milioni di euro e in esso si opera ogni 10 secondi con una transazione media di 1000 euro, non significa che sia liquido, anzi potrebbe essere semplicemente un mercato con la strategia di Market Making implementata.

Se vogliamo sapere quanto è liquido un mercato, dobbiamo solo cercare l’Order Book e osservare come si comporta il prezzo di un bene quando viene effettuato un ordine con lo stesso. Se al momento dell’invio di un ordine, ad esempio BTC-Euro, il prezzo di Bitcoin cambia molto, è un mercato con scarsa liquidità.

In questo caso potrebbe accadere che l’operazione non arrivi mai a completarsi interamente a causa della mancanza di attività per eseguire l’operazione.

Classificazione delle attività in base alla liquidità

Le attività possono essere classificate in base alla loro liquidità in:

1- Denaro FIAT. Con esso tutte le transazioni e le agevolazioni con FIAT come prestiti, vendite, depositi bancari, debiti. La moneta FIAT è l’asset più liquido per eccellenza.

2- Metalli come il ferro, la bauxite o il rame e metalli preziosi come l’oro, l’argento.

3- Seguono i mercati valutari compresi indici azionari e EFT

4- Finalmente troviamo le criptovalute