Cos’è il burning dei tokens?

Qué-es-la-quema-de-tokens
5 min read

Il burning di un token significa eliminare permanentemente un insieme di criptovalute che esistono sulla rete e sono in circolazione. Sebbene questa pratica sembri arrivare agli estremi, è qualcosa di abbastanza comune. Questa estrategiasirealizza per alcuni progetti.

Gli scopi del token burning di solito sono deflazionistici. L’idea principale per realizzarla è di solito influenzare il prezzo di un token o di una valuta sul mercato, poiché è anche una pratica simile nell’industria monetaria FIAT. Questa pratica può avere molti obiettivi, ma è abbastanza semplice.

Perché si realizza il token burning?

Questa azione internazionale è spesso condotta dai creatori delle criptovalute. In questo modo si “bruciano” un numero specifico del totale di token in circolazione. Questo si ottiene rimuovendo permanentemente una certa quantità di token dalla rete.

Le principali criptovalute che conosciamo come Bitcoin o Ethereum non hanno un programma di burning di token, tuttavia, altri tipi di criptovalute come Altcoins lo utilizzano.

 

Come abbiamo già detto, l’obiettivo principale del token burning è di solito la deflazione, ma questo non è l’unico. Questo meccanismo è di solito usato da token e monete più piccole perché in questo modo possono controllare il numero che è in circolazione e al tempo stesso possono fornire maggiori incentivi agli investitori.

Il Token burning rappresenta esclusivamente le criptovalute, poiché le valute FIAT non “bruciano” o normalmente non si è soliti farlo. Tuttavia, nel mondo FIAT esistono altre forme di regolamentazione utilizzate per lo stesso scopo. Il burning di criptovalute può essere paragonato al riacquisto di azioni da parte di società pubbliche per ridurre la quantitá di azioni disponibile e quindi aumentare il loro prezzo.

Come viene eseguito il burning di un token?

Esistono molti modi per avviare un burning di criptovaluta al fine di ridurre la loro quantità. disponibles. I tokens restano disabilitati per usi futuri. Per ottenere ciò, il modo più comune è che gli sviluppatori di progetti comprino una certa quantità di criptovalute e le facciano uscire dalla circolazionenel mercato. Toglierle dalla circolazione è possibile grazie a un wallet pubblico irrecuperabile.

Le criptovalute vengono inviate all’ indirizzo privato di questo portafoglio conosciuto come “eater address”. Questo è visibile a tutti i nodi, ma allo stesso tempo è permanentemente congelato. L’indirizzo a cui vengono inviati i tokens è chiamato indirizzo “Burn”.

 

Questo indirizzo è unidirezionale e non ha la possibilità di invertire l’operazione effettuata o ritirare le criptovalute che contiene, poiché non esiste una chiave privata corrispondente a quell’indirizzo. Poiché tutti gli attivi in esso contenuti non possono essere recuperati, viene considerato “bruciato” anche se esiste ancora.

Esistono molti modi per eseguire il burning dei tokens. Ogni progetto ne sceglie una. Alcuni potrebbero fare un burning unico cuando completa la sua ICO (Initial Cryptocurrency Offering). In questo modo, la quantità di criptovaluta che non è stata venduta viene eliminata dalla circolazione e allo stesso tempo incentiva i partecipanti.

 

Un altro modo per eseguire il processo è fare il burning di criptovalute ogni certo periodo di tempo con volumi fissi o variabili. Ogni progetto sceglie la tattica che più favorisce la criptovaluta.

Qué-es-la-quema-de-tokens

Qual è lo scopo delle aziende che bruciano i token?

Molti dei progetti utilizzano il burning dei tokens per mantenere stabile il valore della loro criptovaluta incoraggiando i commercianti amantenerel’uso della stessa. Qualunque sia il suo obiettivo, il burning dei tokens è un meccanismo deflazionistico.

Generalmente è svolto dalle aziende per aumentare il valore di ogni moneta riducendo la fornitura in circolazione. Questo perché in teoria, se ci sono meno monete disponibili, il loro valore aumenterà e ogni singola moneta avrà più valore.

Questa tattica funziona ancora meglio sull’offerta di criptovalute limitata che sono la stragrande maggioranza, poiché queste in particolare non potranno mai tornare a produrre la quantità persa. Un esempio di questo tipo di criptovaluta è Bitcoin, sebbene non realizzi il burning dei suoi tokens..

Altre criptovalute utilizzano questa procedura per correggere errori. Un esempio di errore è la società Tether. Creò per errore 5 miliardi di dollari in USDT e dovette bruciarli per mantenere la sua parità 1: 1 con il dollaro USA.

C’è un caso particolare nel burning dei tokens che è quello dei Security Tokens. Questi funzionano come le corporazioni con il riacquisto di azioni. Autorizzando i detentori a proiettare dividendi, le monete possono essere riacquistate a un prezzo ragionevole e quindi bruciate aumentando quindi il valore delle azioni di ciascun titolare.

Esistono altre valute come Ripple che utilizzano il burning per prevenire attacchi e transazioni di spam aggiungendo un livello di sicurezza alla sua piattaforma. Ripple brucia le commissioni addebitate su ogni transazione per rimuovere l’incentivo per sovraccaricare la rete e ottenere un rapido profitto. Inoltre, è così che riesce a proteggersi dagli attacchi Distributed Denial-of-Service o DDoS.

POTREBBE ITNERESSARTI…