Chi è Chris Larsen?

¿Quién es Chris Larsen?
6 min read

Chris Larsen non è solo uno dei primi investitori e co-fondatore di Ripple Labs Inc., la rete di pagamento dietro la criptovaluta XRP, ma è anche un business executive e business angel, noto per essere co-fondatore di diverse start-up tecnologiche della Silicon Valley. In questo articolo scopriremo in dettaglio chi è Chris Larsen e perché è così importante per la tecnologia blockchain e le criptovalute.

Biografia di Chris Larsen

Chris Larsen nacque a San Francisco nel 1960, conseguì una laurea in International Business and Accounting nel 1984 presso la San Francisco State University e un MBA presso la Stanford School of Business nel 1991.

Nel 1996, co-fondò E-Loan, istituto di credito ipotecario online , che divenne la prima azienda a fornire gratuitamente i punteggi di credito FICO dei consumatori. Ma il progetto che si distinse maggiormente nella sua carriera professionale è statala creazione della società Ripple Labs, Inc., che sviluppò Ripple , software che consente il trasferimento immediato e diretto di denaro tra due parti.

Carriera e progetti di Chris Larsen

¿Quién es Chris Larsen?

E-Loan: prestito elettronico

All’inizio degli anni ’90, Larsen iniziò a lavorare per un creditore ipotecario in California fino a quando, nel 1996, decise di cambiare il fulcro del business dei mutui per svilupparlo su E-Loan, un sito di mutui per la casa che utilizzava per evitare le commissioni degli agenti e altre tasse.

Il sito web di E-loan, lanciato pubblicamente nel 1997, permetteva ai mutuatari di cercare e acquistare prestiti direttamente online, senza le tariffe addebitate dai broker e dagli agenti di vendita.

E-loan ebbe grande successo e divenne uno dei primi finanziatori di mutui online negli Stati Uniti fino a quando, nel 1998, la società iniziò ad avere difficoltà a finanziare le sue operazioni e Larsen, lasciò il ruolo di presidente.

Nel 1998 Larsen e la sua socia Pawlowski chiusero un accordo con il direttore esecutivo di Yahoo, Timothy Koogle, che volle acquistare una quota del 23% delle azioni in circolazione di E-loan per 25 milioni di dollari. Larsen e Pawlowski mantennero il controllo della società E-loan.

E-loan fu la prima azienda negli Stati Uniti a fornire gratuitamente i punteggi di credito FICO dei consumatori.

Nel 2000, il valore di mercato di E-loan fu stimato in un miliardo di dollari. Larsen lasciò la società nel 2005, quando fu venduta alla Banca Popolare.

All’inizio del 2000, Larsen iniziò il suo attivismo in difesa della privacy finanziaria in California e svolse un ruolo importante nell’approvazione della legge sulla privacy della California nel 2003 grazie alla coalizione “Californiani per la privacy ora”, di cui fu il fondatore, grazie alla quale riuscì a raccogliere 600,000 firme per approvare il progetto di legge per proteggere la privacy dei clienti delle istituzioni finanziarie.

Prosper Marketplace

All’inizio del 2005 Larsen si dimise dalla carica di direttore generale di E-loan per avviare un altro progetto “Prosper Marketplace” con la carica di CEO.

L’azienda agiva in qualità di mercato delle aste online in cui i mutuanti e i mutuatari determinavano le tariffe dei prestiti utilizzando un sistema simile a quello delle aste olandesi. Alla fine del 2008, Prosper aveva messo a disposizione 271 milioni di dollari in prestiti tra pari e ricevette un totale di 74,5 milioni di dollari in fondi di investimento.

Nel 2008, Fast Company nominò Prosper nella sua lista Fast 50 delle “aziende più innovative dell’anno”.

OpenCoin

Nel settembre 2012, Larsen cofinanziò la società Opencoin, che fu la società che iniziò a sviluppare il protocollo di pagamento chiamato Ripple che permetteva il trasferimento immediato e diretto di denaro peer to peer.

Opencoin hcreò anche la sua criptovaluta con l’obiettivo di consentire alle istituzioni finanziarie di trasferire denaro con tariffe e tempi di attesa minimi.

Il 14 maggio 2013, Opencoin annunciò che aveva chiuso un secondo round di finanziamenti e tra i suoi primi investitori vi erano Andreessen Horowitz, Google Ventures e IDG Capital Partners.

Ripple Labs, Inc.

Nel settembre 2013, Opencoin cambiò nome in Ripple Labs, Inc, e fu quando il codice sorgente dietro la rete di pagamento Ripple divenne open source.Larsen rimase CEO della società.

Nel 2014, Ripple fu la seconda criptovaluta più grande per capitalizzazione di mercato, dopo Bitcoin. Ripple Labs fu nominata una delle 50 aziende più intelligenti dal MIT Technology Review e la quarta, in una lista di Fast Company, delle 10 aziende finanziarie più innovative del mondo, nel 2015.

In un’intervista con Nielsen, Larsen dichiarò: “Non vediamo la necessità che il mondo abbia una nuova valuta; vediamo la necessità di un modo migliore per spostare le valute esistenti. I market maker troveranno molto efficiente utilizzare una risorsa digitale o una criptovaluta come parte del loro commercio, ma solo se questa criptovaluta consente lo scambio di tutte le cose di valore. Bitcoin non lo consente. Ecco perché abbiamo creato Ripple, scambiamo principalmente dollari, euro, yen, ecc. Vediamo che Ripple (XRP) diventa il ponte universale per tutte le cose di valore e i market maker lo useranno per creare mercati. “.

Nel febbraio 2018, Chris Larsen divenne la quinta persona più ricca del mondo sulla lista dei milionari della rivista Forbes.

La sua fortuna era di circa 59 miliardi di dollari il 4 gennaio 2018, secondo il quotidiano The New York Times, che lo mise brevemente davanti a Mark Zuckerberg. Ma questo posto durò poco perché gran parte della ricchezza di Larsen è virtuale.

Infine, nel 2020, occupò il posto 319 nella lista Forbes 400 delle persone più ricche degli Stati Uniti.