Monero nodo remoto

monero remote Bitnovo
5 min read

Un nodo che non viene eseguito sulla stessa macchina locale in cui si trova il portafoglio Monero è chiamato “Nodo remoto” e può essere privato o aperto.

 

Quindi, possiamo dire che un nodo remoto privato non viene eseguito sulla macchina locale, ma ne ha il pieno controllo. Un esempio è l’esecuzione di un VPS o di un server. Questo nodo non sarà localmente sul tuo computer, ma avrai il pieno controllo su di esso. Anche rendendolo un nodo aperto e consentendo al pubblico di connettersi ad esso.

 

Cos’è un nodo aperto?

Un nodo remoto aperto è uno che può essere utilizzato da chiunque non disponga dell’hardware, dello spazio su disco rigido o non abbia molta conoscenza dell’argomento, le persone che non possono o non vogliono eseguire il proprio nodo preferiscono utilizzare un nodo remoto aperto. Questi nodi remoti aperti vengono semplicemente chiamati nodi remoti.

 

Utilizzando i nodi aperti, consente di effettuare transazioni istantaneamente, senza la necessità di scaricare la blockchain e sincronizzarla preventivamente con la rete Monero, anche se questa è una buona cosa per gli utenti che non possono eseguire i propri nodi, la rete Monero garantisce ai suoi utenti che gestiscono il proprio nodo, per la massima privacy e l’aiuto nel decentralizzare la rete.

 

I nodi aperti sono un’ottima opzione per gli utenti con un computer non molto potente, per connettersi immediatamente alla rete Monero. Affinché un utente possa connettersi da remoto a una rete Monero con un nodo aperto, può farlo tramite due modi: chiedere al proprietario di questo nodo aperto di condividere l’indirizzo IP e la porta o semplicemente utilizzare un nodo pubblico.

 

Nodi pubblici e nodo aggregatore

 

I nodi pubblici sono l’opzione da scegliere per gli utenti senza tanta potenza sui propri computer al fine di consentire agli utenti che non dispongono di un nodo locale di unirsi immediatamente alla rete Monero. I nodi pubblici sono raggiungibili nella rete utilizzando due sistemi:

 

Aggregatori di nodi, che sono fondamentalmente elenchi di nodi remoti aperti. I proprietari di questi nodi hanno deciso di aggiungerli a un elenco in cui altri utenti possono trovarli. L’aggregatore fornisce agli utenti che desiderano utilizzare un nodo remoto un semplice URL. Questo ULR si connette a uno dei nodi della lista e viene inserito nel portafoglio Monero. Successivamente, il portafoglio virtuale contatterà uno dei nodi forniti dall’URL, che gli consentirà di inviare e ricevere immediatamente le transazioni all’utente.

 

Nodi pubblici nativi, in MoneroWorld Una delle sue caratteristiche per cui è molto famoso è la possibilità di creare un nodo pubblico semplicemente aggiungendo il flag –public-node. In questo modo viene pubblicato sulla rete P2P e gli utenti possono collegarsi ad esso. Inoltre, a parte questo, bisogna tener conto del rischio che si corre quando si utilizza un nodo pubblico. I proprietari dei nodi possono collegare le transazioni agli indirizzi IP. Come sempre si consiglia di gestire il proprio nodo privato per evitare questo tipo di rischio.

 

Come fare il proprio nodo

 

E’ consigliato di eseguire il proprio nodo localmente poiché non è così difficile; Possono essere necessarie 9 ore per la sincronizzazione se si dispone di un disco rigido a stato solido e una buona connessione Internet, i nodi remoti non sono molto affidabili poiché molte volte la connessione può semplicemente interrompersi o fallire perché il software non è realmente sviluppato per questo.

 

Quello che dovresti fare è prima scaricare il software dal sito Web ufficiale e ti daranno una guida su come funziona questo software, come configurarlo e dopo averlo configurato, Monero World eseguirà uno script ogni 5 minuti per scansionare la rete per nodi aperti.

 

Portafoglio Monero

Il portafoglio consigliato da monero è MyMonero Desktop Wallet, questo è il portafoglio più conosciuto per la memorizzazione di XMR. Essendo un wallet pubblicato dagli stessi sviluppatori Monero che si basa anche su codice open source. Questo permette al portafoglio di essere considerato affidabile e sicuro, MyMonero Desktop Wallet memorizza le password localmente sul computer dell’utente e non sui server. A differenza di altri portafogli, questo può essere modificato e utilizzato con poche conoscenze tecniche.

 

Non tutto è perfetto in questo portafoglio, poiché se i server di MyMonero venissero hackerati, le chiavi di visualizzazione private verrebbero compromesse poiché invece di sincronizzare la blockchain localmente sul computer, il portafoglio gli invia la chiave di visualizzazione privata. Server MyMonero per trovare le transazioni in entrata.

 

Gli indirizzi Monero sono nascosti e l’hacker non è in grado di riconoscere da dove provengono le transazioni. Tuttavia, non saranno in grado di rubare il tuo Monero poiché per questo richiedono la chiave di invio privata, che non viene inviata al server MyMonero. Il vantaggio è che, a differenza di Monero GUI Wallet o Cake Wallet, l’utente non deve aspettare molto perché la blockchain di Monero si sincronizzi con il portafoglio.