Difficoltà nel mining di Bitcoin

Attualmente esiste un numero limitato di Bitcoin, generati dai minatori, che sono individui o aziende con hardware di mining. In questo modo, i minatori ricevono monete come ricompensa per il loro lavoro nel Bitcoin. Più potenza investiamo, teoricamente saremo maggiormente in grado di vincere, poiché avremo più potenza mineraria.

L’estrazione si basa sull’avere computer specializzati o ASIC, che eseguiranno calcoli computazionali. Come ricompensa, riceveremo parte della quantità di Bitcoin che verrà messa in circolazione e anche parte delle commissioni di transazione.

È dimostrato che oggi non è più redditizio estrarre dal nostro computer. Ci sono macchine specializzate per raggiungere questo obiettivo, chiamate ASIC. Ci sono persino aziende con interi capannoni pieni di queste macchine che sono in grado di generare milioni di dollari solo estraendo Bitcoin. Questi tipi di capannoni sono conosciuti come “fattorie”. Fino ad oggi, l’estrazione di Bitcoin è più una questione di società che di individui.

In un periodo di circa 10 minuti, i minatori ricevono un problema matematico. Chiunque risolva questo problema più velocemente otterrà le monete che sono in circolazione. Pertanto l’obiettivo è trovare una soluzione per convalidare quel blocco. Il minatore riceverà la ricompensa dopo aver risolto il problema se gli altri membri della rete assicurano che la risposta è corretta. Tutto questo processo è automatizzato.

La funzione del mining di Bitcoin

Essendo un sistema decentralizzato, ciò di cui abbiamo bisogno è un metodo che ci consenta di verificare le operazioni effettuate tra i diversi utenti. Questo per evitare pagamenti fraudolenti o per provare a introdurre falsi Bitcoin nel mercato. Coloro che sono incaricati di esaminare le transazioni sono i minatori. In questo modo viene creata la famosa Blockchain. Questa catena di blocchi è come un libro contabile a cui tutti i minatori hanno accesso, ed è qui che si verifica che tutto funzioni correttamente.

Tempo necessario per estrarre un Bitcoin

La potenza che viene utilizzata per estrarre i bitcoin viene misurata in Hash al secondo, hashrate. Come succede anche con i byte, useremo TH per Tera Hashes o GH per GigaHash. Un enorme difetto che le persone spesso commettono nel calcolo del tempo necessario per estrarre un Bitcoin, è che non tengono conto del fatto che la difficoltà per ottenerlo sta cambiando. Quindi, se facciamo i calcoli in questo momento, con una squadra di una potenza di 15 TH/s, avremo come risultato X BTC dopo un anno. Ma ciò di cui non teniamo conto è che la difficoltà aumenterà, quindi quel numero sarà molto più piccolo.

In sintesi, per essere in grado di rispondere a questa domanda, sarebbe necessario avere una macchina molto potente o avere una fattoria. Nel caso in cui abbiamo accesso a una sola macchina, è abbastanza probabile che, sebbene calcoliamo di spendere un paio d’anni per ottenere 1 BTC, in realtà non arriveremo mai a una cifra del genere.

Difficoltà nel mining di Bitcoin  

Quanto più dispositivi si aggiungono alla rete di mining, più aumenta la capacità di calcolo degli stessi. Ma, a sua volta, questo significa che ogni volta la competizione è maggiore, e quindi, sarà più difficile ottenere la ricompensa.

La difficoltà sarebbe il calcolo necessario per ottenere la garanzia di ottenere blocchi ogni dieci minuti. Se i nuovi blocchi vengono generati in media in meno di dieci minuti, in 2016 blocchi, Bitcoin verrà ripristinato automaticamente. Questo riaggiustamento aumenterà la complessità del problema.

L’Hashrate, d’altra parte, sarebbe l’equivalente della capacità di elaborazione della rete per ogni apparecchiatura aggiuntiva. L’aggiunta della potenza di tutte le apparecchiature comporterà l’Hashrate totale della rete.

Si tratta di una riduzione della potenza di Hash dato che i minatori minori della rete competono per creare i blocchi, portando ad una diminuzione della difficoltà.

Dati di esempio

Useremo come dati di esempio gli aggiustamenti del mese di Dicembre 2018. In occasione della rettifica delle difficoltà, avvenuta il 3 dicembre, il dato di difficoltà ha subito un riaggiustamento negativo, scendendo del 15,1%, risultando essere una delle maggiori cadute nelle difficoltà del mining dal 2011.

Questa difficoltà subisce un riaggiustamento dopo aver superato i blocchi 2016, che equivale approssimativamente a due settimane. Il 18 dicembre, la difficoltà è stata riadattata a 5.11T. Tuttavia, nel prossimo riadattamento, questa cifra ha subito un aumento di 5,62 T, che equivale ad un aumento del 10,03%. Questo aumento di difficoltà implica che un maggior numero di minatori si stanno aggiungendo alla rete.

Come abbiamo già detto, molti minatori Bitcoin hanno chiuso in massa le loro attività dopo il forte calo dei prezzi, che ha costretto un gran numero di minatori ad operare in perdita. Alcune compagnie minerarie cinesi iniziarono a vendere al kg, ai loro minatori, a prezzi stracciati, invece della valutazione per le macchine.

Comprare Bitcoin

In un contesto come questo, dove il mining privato sta diventando meno redditizio, comprare bitcoin su Bitnovo risulta essere l’opzione più sicura e più efficace per coloro che vogliono ottenere questa criptovaluta.