Chi è Jed Mccaleb?

quién es Jed McCaleb Bitnovo
8 min read

Poco si conosce della sua vita privata ma ogni appassionato del mondo cripto avrà sentito almeno una volta il suo nome o conosce una delle sue imprese/progetti. Che tu lo conosca o no, oggi imparerai chi è Jed McCaleb, perché è uno dei personaggi più famosi dell’ecosistema blockchain e crypto e che contributi ha dato a questo mondo.

Biografia di Jed McCaleb

Jed McCaleb è un programmatore e imprenditore americano che è stato coinvolto nella fondazione di varie società di tecnologia nel corso degli anni. Nello spazio crypto è conosciuto come il fondatore di 2 compagnie molto note nell’universo blockchain che molti esperti credono che possano diventare ‘il nuovo Bitcoin’: Ripple y Stellar.

Jed nacque nel 1975 a Fayetteville e trascorse i suoi anni di formazione in Arkansas. Frequentò brevemente l’Università della California a Berkeley, che abbandonò mentre era ancora al primo anno per iniziare la sua carriera come imprenditore nel settore della tecnologia.

Prima della sua incursione nell’ecosistema blockchain, Jed aveva creato società tecnologiche, ma la crittografia è sempre stata il suo punto di forza e ciò si manifestò durante i suoi anni nel settore tecnologico.

EDONKEY

Jed McCaleb e Emule Bitnovo

Jed voleva sfruttare la tecnologia per ridurre l’inefficienza e migliorare la condizione umana.

Per questo motivo, nell’anno 2000, fondò, insieme a Sam Yagan, eDonkey (chiamata anche rete eDonkey2000 o eD2K), una società di condivisione di file P2P molto simile a Napster che,in quel momento, stava già cominciando a sperimentare difficoltà operative.

eDonkey permetteva la condivisione di file di grandi dimensioni tra gli utenti grazie a un’architettura di rete decentralizzata che permetteva la condivisione diretta tra gli utenti, senza alloggiarli su un server centrale.

Nel 2004, eD2K, con fino a 200 server, era diventato la rete di condivisione di file più popolare sul web e gestiva una media di quasi 2 miliardi di file condivisi da circa 3 milioni di utenti.

Nel 2006, la RIAA citò in giudizio MetaMachine Inc., la società responsabile dello sviluppo e dell’esecuzione del programma client eD2K per una presunta violazione del diritto d’autore a causa dello scambio non autorizzato di musica con licenza nel servizio eDonkey.

L’azienda dovette sospendere la distribuzione di eDonkey e questo segnò il suo declino e l’abbandono di Jed del progetto, prima che iniziasse l’era dei protocolli di condivisione file P2P torrent e avanzati..

L’entrata di Jed McCaleb nel mondo della Blockchain

L’ingresso di Jed McCaleb nel settore blockchain risale al 2009, quando nel 2009 Satoshi Nakamoto lanciò Bitcoin, Jed si sentì attratto dal progetto e la tecnologia che erano alla base della prima criptovaluta della storia e cominciò ad esplorare la tecnologia in dettaglio.

MT. GOX

Quando Satoshi Nakamoto lanciò Bitcoin nel 2009, Jed fu attratto dal progetto e dalla tecnologia che erano alla base della prima criptovaluta della storia e iniziò a esplorare la tecnologia in dettaglio fino a fondare la società Mt.Gox.

Jed iniziò a credere che la comunità aveva bisogno di un servizio per scambiare bitcoin e nel luglio 2010 fondò Mt.Gox, il primo exchange di bitcoin con sede a Tokyo (Giappone) che gestiva più del 70% di tutte le transazioni a livello mondiale, diventando il più grande exchange di Bitcoin del mondo.

Nel 2011 Jed vendette la società a Mark Karpelès e rimase socio di minoranza.

Nel 2014, dopo che il sito web di Mt. Gox fu hackerato, con il conseguente furto di circa 850.000 bitcoin proprietà dei clienti, dichiarò la bancarotta e chiuso i battenti.

RIPPLE

Jed McCaleb y Ripple Bitnovo

Nel 2011, durante l’avventura di Mt. Gox, Jed Mccaleb iniziò a studiare in profondità la tecnologia del Bitcoin e alcune delle principali falle del sistema lo spinsero a creare una criptovaluta che fosse immune ai difetti inerenti al Bitcoin.

Fu così che, insieme a David Schwartz, Jesse Powell e Arthur Britto, Jed sviluppò Ripple (inizialmente chiamato Opencoin) , una valuta digitale in cui le transazioni venivano verificate utilizzando l’algoritmo Proof of Stake invece dell’algoritmo di consenso utilizzato da Bitcoin (Proof of Work).

Opencoin divenne presto Ripple, sotto l’egida di Ripple Labs, e con Chris Larsen in testa, potette stabilire relazioni bancarie utili e fu adottato da un numero crescente di istituzioni finanziarie per offrire ai consumatori un’opzione di invio alternativa grazie alle transazioni quasi istantanee e poco costose.

Ripple Labs creò la propria criptovaluta decentralizzata nota come Ripple (XRP), che attualmente è la settima valuta più grande (con un mercato di capitalizzazione di $19 miliardi, al momento in cui viene redatto questo articolo)

Dopo diversi disaccordi nel 2013, Jed lasciò l’azienda e la sua fuoriuscita fu condizionata da un consenso in cui McCaleb per 7 anni poteva scambiare quantità limitate di XRP per evitare di danneggiare il mercato delle valute digitali e gli fu permesso di vendere un miliardo di XRP nel sesto anno dell’accordo e due miliardi di XRP nel settimo..

STELLAR

Jed McCaleb y Stellar Bitnovo

Un anno dopo aver lasciato Ripple Labs, Jed McCaleb tornò con un nuovo progetto legato al mondo delle criptovalute. Si tratta di Stellar Development Foundation, l’organizzazione senza scopo di lucro il cui obiettivo era sviluppare il protocollo open source Stellar per aumentare la partecipazione economica di tutti e che presto sarebbe diventato il concorrente diretto di Ripple.

Il progetto Stellar ha un protocollo di scambio di denaro decentralizzato con transazioni quasi istantanee, sicure ed economiche. Ma, a differenza di Ripple, che si concentra più sui servizi di cambio di denaro B2B, Stellar si concentra maggiormente sulle transazioni B2C.

L’organizzazione entrò sul mercato il 31 luglio 2014 e ricevette un prestito di 3 milioni di dollari dalla Stripe Company.

Stellar era originariamente basato la sua rete di pagamento sul protocollo Ripple e nel 2015 adottò il Protocollo di consenso Stellar, con Mccaleb come CTO di Stellar.

Nel maggio 2017, Mccaleb lanciò Lightyear.io, un progetto che si basa sulla rete Stellar e che ha fatto sí cheStellar diventi un mezzo di pagamento globale e un cambio valuta.

Infine, nel settembre 2018, McCaleb creòInterStellar grazie alla fusione di Lightyear e Chain.com.

Sebbene in un primo momento Stellar fosse visto come la vendetta di McCaleb contro Ripple Labs e con poco futuro, in pochissimo tempo Stellar arrivò nella top ten delle monete con la maggiore capitalizzazione del mercato.

Oggi (marzo 2021), Stellar è al decimo posto tra le monete più capitalizzate, con un market cap di oltre $9 miliardi.

Jed McCaleb oggi

Il patrimonio di Jed Mccaleb è stimato a circa $20 miliardi, la maggior parte dei quali sono conservati come tokens Ripple.

Secondo fonti accreditate, Jed McCaleb ha venduto circa un miliardo di XRP nel quinquennio 2014-2019.

Nell’ultimo anno, ha venduto più di $400 milioni di XRP.

Nel gennaio 2018, il New York Times ha nominato McCaleb una delle 10 persone principali che ha guidato la rivoluzione Blockchain e ha riferito che la proprietà simbolica di Mccaleb in Ripple lo avrebbe messo al posto 40 nella lista di Forbes delle persone più ricche del mondo.